Gospel Book Revisited


Gospel Book Revisited

http://www.gospelbookrevisited.com/

Il gruppo  dei Gospel Book Revisited (spesso abbreviato in #GBR sui social) nasce a Torino nel 2014 attorno a quattro giovani musicisti che rispondono al nome di Camilla Maina (voce), Umberto Poli (chitarra), Gianfranco Nasso (basso) e Samuel Napoli (batteria).
Già nel nome della band troviamo tutte le principali coordinate del progetto, ovvero la passione per la musica nera e le sue radici, che è infatti il collante principale di musicisti con percorsi anche distanti, ma legati alla tradizione, e la black woman che accompagna il logo – disegnata dalla brasiliana Carol Rossetti – ne è l’immagine perfetta.
La rivisitazione è assunta a metodo, punto d’equilibrio tra filologia e creatività. Il live, evocato dal “libro di canti”, è la dimensione privilegiata in cui generosamente dare l’anima, o meglio il soul, in particolare per un gruppo che si ispira alle jam band statunitensi. Ma l’idea iniziale di celebrare le grandi interpreti femminili della tradizione afroamericana rileggendone i classici vira presto in un più ampio omaggio al blues.
Alla riscrittura si affianca la scrittura, portando all’integrazione del repertorio di cover con brani originali. E l’energia e la libertà del palco vengono messe alla prova dello studio di registrazione. “Won’t You Keep Me Wild?”, primo autoritratto dei Gospel Book Revisited in forma di EP, arriva dopo questi rapidi scatti di crescita: “il diavolo e la sua musica” intrappolati in studio per un trattamento rock, secondo una scaletta fatta non solo di standard rivisti e corretti ma anche di due inediti firmati dalla stessa band.
Non resta che avvicinarsi a questo strano mix di sacro e profano, ancora una volta affidato ad una cantante femminile, ben integrata in un quartetto che lavora a pieno ritmo come un motore ben oliato, e promette scintille sia su disco ma soprattutto dal vivo, con esibizioni che sanno differenziarsi di volta in volta, proponendo, a seconda dell’esigenza del momento, varianti con set sia elettrici che acustici!

dal 1989 sulla strada del Blues