Archivi categoria: Torrita Blues 2020

Nkem Favour Blues band

Mia Nkem Favour Nwabisi è una consolidata realtà nella scena Blues europea. Straordinaria interprete della tradizione afroamericana, si distingue per uno strepitoso impasto vocale unito ad una conoscenza approfondita dei dettami stilistici del genere. La scuola gospel di New Orleans ha trovato in lei un valido elemento che la contraddistingue.

E’ dotata di un vero e proprio “cuore blues” che la porta ad esprimere al meglio i sentimenti dell’anima. La band che la accompagna è costituita da alcuni tra i migliori musicisti Blues in Italia, già esponenti dei genovesi Big Fat Mama e Mama’s Pit, gruppi storici del Blues italiano. Lo spettacolo si dipana tra classici del genere e brani originali, offrendo un impatto solido e articolato, con un sound potente e raffinato al tempo stesso.

Mia Nkem Favour: voce; 
Davide Serini: chitarra; 
Danilo Parodi: basso; 
Alessandro Muda: Hammond organ & piano
Mauro Mura: batteria.

Mike Sponza

Mike Sponza

Il talento di uno dei più grandi chitarristi blues italiani, ormai una sorta di guru del blues nazionale: il risultato è un’esplosione di classe, ritmo ed energia.

Così il Corriere della Sera ha definito Mike Sponza, artista dal respiro internazionale sempre con un occhio di riguardo alla scena europea.

Blues, soul e rock’n’roll sono le parole chiave per descrivere la sua musica.  Chitarrista, cantante e compositore ha dedicato la sua vita artistica a sviluppare uno stile blues personale, moderno e ricco di differenti sapori.

Negli ultimi anni Mike Sponza si è affermato a livello mondiale con i suoi progetti discografici e gli spettacoli della sua band, mostrando la forte vitalità del blues italiano in una nuova prospettiva.

Il suoi ultimi due album “Ergo Sum“ e “Made In The Sixties” entrambi prodotti entrami agli Abbey Road Studios, rappresentano il suo sound a cavallo tra modernità e tradizione.

Max De Bernardi & Veronica Sbergia

Max De Bernardi

Max De Bernardi, grande conoscitore del genere country blues, esplora un territorio musicale compreso tra il piedmont blues e il ragtime caratterizzati da un fingerpicking cadenzato dai bassi alternati, senza tecnicismi superflui. Oltre alla chitarra acustica e resofonica suona anche il mandolino e l’ukulele. Si è formato musicalmente alla fine degli anni ’70 ascoltando i grandi maestri del Country Blues Blind Blake, Leadbelly, Rev, Gary Davis, Sam Chatmon, Son House, Mississippi John Hurt, forgiando ben presto uno stile personalissimo.

Veronica Sbergia

Veronica Sbergia e’ cantante, ukulelista e suonatrice di washboard. La versatilità della sua voce l’ha in passato portata a proporre repertori dei piu’ disparati generi musicali, dal pop al folk passando per il soul il funk e il jazz ma e’ nel blues che trova la sua espressione ideale. Nell’arco degli ultimi anni, grazie alla collaborazione con Max De Bernardi, si e’ concentrata sullo studio e la ricerca del blues delle origini.
Insieme, nel 2009, danno vita al progetto Veronica & The Red Wine Serenaders, ensemble acclamato dalla stampa specializzata nazionale come “la più bella realtà europea in fatto di country-blues, ragtime, hokum e jugband music” (Il Buscadero), e si aggiudicano il 1° posto all’European Blues Challenge ed. 2013 e sono stati selezionati al 31 International Blues Challenge, tenutosi a Memphis (TN) nel gennaio 2015.
Dall’inizio del 2017 decidono di chiudere il capitolo RWS e dare vita ad un nuovo percorso musicale sotto il nome di Max & Veronica. Il repertorio si concentra sulla musica Roots Americana, non solo Blues quindi, ma anche country, folk, ragtime e swing. Il tutto suonato con strumenti acustici e con attenzione alla tradizione riuscendo nello stesso tempo a rendere fresca ed estremamente godibile da parte del pubblico questa proposta musicale.


www.maxandveronica.com

Max Lazzarin

Max Lazzarin 

Max Lazzarin ispira il suo sound, pianistico e vocale, alle atmosfere della moderna New Orleans music, eseguendo sia brani propri che grandi classici reinterpretati. New Orleans, da buon crocevia di razze e culture, ha prodotto, come in tutte le sue espressioni, una musica “contaminata” in cui si riconoscono sonorità caraibiche, funky e rag sempre mutuate dal blues ovviamente..

Max, volendo fare proprio il background culturale che ha prodotto tali risultati, prosegue a mescolare ed “inquinare” il suo suono con tutto ciò che in qualche modo lo ha segnato artisticamente.

I suoi lavori discografici e la vittoria dell’ Italian Blues Challenge nel 2016 con i suoi Bayou Moonshiners, lo portano a partecipare al contest del Blues Europeo, in Danimarca classificandolo in quarta posizione. Presente nei migliori palchi di Italia, Francia, Portogallo, Spagna, Austria, Germania e Svizzera, Max si esprime con vari progetti e band nazionali ed internazionali. 

MARCO PANDOLFI

Marco Pandolfi 

E’ uno degli armonicisti europei più richiesti, e da diversi anni si esibisce soprattutto suonando chitarra e armonica contemporaneamente.
Il suo stile personale ma profondamente radicato nella tradizione, lo ha portato ad esibirsi in importanti festival in Europa e negli Stati Uniti, dove ha anche avuto l’occasione di registrare (Pennsylvania, Mississippi, Texas, California, Arizona). 

Ha collaborato con alcuni dei maggiori musicisti blues a livello mondiale (Paul Oscher, Richard Ray Farrell, Bob Margolin, Willie King, Bob Corritore, David Lee Durham, Greg Izor, Harvey Brooks, Preston Hubbard, Tom Walbank…). 

Ha rappresentato per tre volte l’Italia iagli International Blues Challenge
Con otto dischi a suo nome – tra cui il recente “Ambrotype” e le numerose partecipazioni nelle incisioni di colleghi italiani e stranieri.