Archivi categoria: 21 giugno

Diego Schiavi

Diego Schiavi

diego schiavi2

 

Sono nato a Pisa nell’agosto del 1994 e sin dall’età di 8 anni ho mostrato una naturale passione per la musica di qualsiasi genere, dalla Classica alla musica cantata nei campi di cotone nel sud degli Stati Uniti nei primi anni del ‘900. Ho studiato per 10 anni chitarra classica da concerto presso l’associazione “Amici della musica “ di Ponsacco (PI) con l’insegnante Veronica Barsotti, esibendomi in diversi teatri con brani di Bach, Leo Brower, Isaac Albeniz, Carulli, Carcassi e Sor ed altri compositori del XVII e XVIII secolo.br>
Fin dall’inizio del mio percorso, pur dedicandomi con passione alla musica classica, ho avuto un grande interesse per il mondo Blues ed ad un certo punto del mio viaggio musicale ho deciso di sospendere gli studi classici e di dedicarmi completamente a questa grande e profonda passione. E’ stata una scelta fortemente voluta, mi sono così iscritto alla scuola di musica “Artwork Village” di Ponsacco (PI).

Ho percorso 3 anni di studi di chitarra moderna, Jazz e Blues con il maestro Carlo Buscemi, studiando teoria musicale e esibendomi in molte piazze con la musica che amo, luogo insolito per un chitarrista che proviene da studi classici. Nel contempo ho riscoperto il mio interessante timbro vocale che già nel periodo delle scuole medie inferiori il mio insegnante di musica aveva apprezzato collocandomi come solista nel coro.
Successivamente ho iniziato un percorso di studio all’Accademia della Chitarra di Pontedera con il giovane maestro Andrea Valeri, che con la sua unicità nel mondo della chitarra acustica “Fingerstyle” ha arricchito ancora di più il mio sapere ed il mio Blues. Oggi il mio stile è il “Fingerstyle Guitar” e “Slide Guitar” sia in ambito elettrico che in ambito acustico, sempre rispecchiandosi nelle più profonde radici del blues.

Il compimento del mio 23° anno di età è coinciso con l’uscita del mio primo progetto discografico “Deep To The Bone”.
Durante il mio percorso musicale ho avuto il piacere di condividere il palco di piazze, teatri, sale spettacolo e locali con molti musicisti di fama nazionale ed internazionale, di entrar a far parte degli artisti di “Blues Made in Italy” e di esser stato invitato in varie stazioni radiofoniche come “Punto Radio, Juke Joint Garage Radio e Radio Duemila – Night Wolf Radio Sation per parlare e condividere le esperienze che hanno dato vita al mio primo progetto discografico, recensito anche da “Il Blues Magazine” nel numero di Dicembre 2017.

Ramrod

Ramrod

 

ramrod

 

La fusione di classic rock e blues, con l’aggiunta di un sapore soul ed un
pizzico di rock psichedelico e prog è il segreto del suono di questa band!
Un sound energico che esplode sul palcoscenico! un’atmosfera intrigante creata dall’unione della chitarra di Marco Picaro e l’Hammond di Adriano “ROLL” Nolli arricchita a sua volta dalla potenza del basso di Emanuele Elia, la batteria di Daniel Sapone e la forte personalità unita alla potente voce della frontwoman Martina Picaro. Tutto ciò si può ritrovare all’interno del loro album “First Fall”.

I Ramrod portano la loro musica in giro per l’Italia e per l’Europa in paesi come Svizzera, Germania,Belgio, Olanda, Francia e Regno Unito, sprigionando energia e collezionando soddisfazioni ed entusiasmo. I loro testi si riferiscono a esperienze personali ed ai più profondi ed intimi sentimenti umani,osservati da diversi punti di vista.

Questo progetto li ha portati a calcare i palchi di festival internazionali e dei migliori club della musica rock blues. Nell’estate 2017 vincono il concorso “Obiettivo Bluesin” grazie al quale si esibiscono sul palco dello storico festival “Pistoia Blues” per l’Italian Blues Night, insieme ad altri artisti in apertura ad Alex Britti, e a dicembre si esibiscono sul rinomato palco del teatro Ariston di Sanremo come finalisti della manifestazione musicale “Fiat Music” organizzata e condotta da Red Ronnie e Roxy Bar.


Van Kery Blues Band

Van Kery Blues Band

van kery

L’idea nasce nel 1999 dal progetto inedito del chitarrista e cantante omonimo Van Kery, da cui prende il nome la band. L’intento è quello di creare e reinterpretare il blues e il rock degli anni 70’ arricchendolo con molte influenze per ottenere così un Rock Blues di grande impatto.

La band è sempre stata recensita dai quotidiani e dalle riviste specializzate come una delle migliori Blues Band siciliane, non mancano gli apprezzamenti da parte delle radio e dei media in genere.
A partire dal passaggio radiofonico del brano “In Seventies” voluto da Rai Radio 1, alle svariate partecipazioni come ospiti in molti Blues Festival Nazionali e internazionali.

Tra le esperienze più significative c’è il “San Cataldo in blues” (CL) nel 2000 con Rudy Rotta e James Tohmpson, il “Capo d’Orlando in blues nel 2001” (ME) con Popa Chubby e Willie Murphy, 3° classificato per il Sud Italia alle finali di “Obbiettivo Blues In 2003” (selezioni di Pistoia blues), All the colours of blues 2003 (Siena) e Sarteano jazz and blues Festival 2003 (Siena), passaggio radiofonico dell’inedito “In Seventies” a Demozone, programma di Rai Radio 1 con conseguente invito al “Ruffano Trend and Blues Festival”(LE), organizzato dalla Rai nel 2004 con Aida Cooper, Effetto Blues 2005 (selezioni Per Torrita Blues) e registrazione del DVD live “Van Kery at Cinquequarti” di Montepulciano (Siena).
Unica band per il sud Italia e vincitori del premio come “Miglior band” del Vicenza Blues Festival nel 2005, Thiene Blues Festival 2005 (VI), Blues on the Road  (CT) 2006. Nel 2007 il progetto si arresta e a distanza di diversi anni, nel 2016 tutto ricomincia con una nuova formazione più matura e completa che mai. La nuova formazione già nell’estate 2016, partecipa ad “Obiettivo BluesIn” selezioni per Pistoia blues, e dopo aver vinto e superato le semifinali regionali riesce ad arrivare alla finalissima nazionale, come una delle migliori 18 band sulle 700 partecipanti”, inoltre nel settembre 2016 si esibisce come ospite di punta in all’’Etna in Blues Festival, storico blues festival Siciliano.

Nel 2017 la band partecipa ad Effetto Blues (Torrita Blues), come una delle 12 band scelte in Italia e dopo le esibizioni live a Bettolle (SI), conquista un posto al Camigliano Blues 2017.
La band viene anche selezionata per l’Italian Blues Challenge 2017, e si esibisce a Lagopesole (PZ) a fine luglio. La band è stata ospite del South Italy Blues Connection il 24.06.17 a Matera e il 07.10.2017 alla più grande fiera blues italiana, il Blues Made in Italy (VR), dove viene notata e recensita dal quotidiano “La Voce di Mantova” come band di spicco sulle oltre 50 formazioni provenienti da tutta Italia http://www.vocedimantova.it/articoli/462874/Cerea-Mississippi–due-passi-da-Mantova)

All’attivo c’è un disco live registrato nel 2017 dal titolo “Rebirth – Live in Studio” promosso dall’associazione “Blues Made in Italy” che ne ha inserito il logo sulla copertina, in vendita su tutte le piattaforme digitali e in cantiere c’è già un nuovo disco che sarà registrato in Italia e mixato negli Stati Uniti.

La formazione è composta da:
Van Kery alla chitarra e voce
Giuseppe Di Mauro al basso
Antonio Quinci alla batteria